NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Clicca qui per maggiori informazioni sui cookie

Clicca qui per maggiori informazioni sulla privacy

Da maggio 2011 una nuova legge sulla privacy è stata deliberata dal parlamento Europeo in merito all'obbligo per i siti web di richiedere il permesso agli utenti di utilizzare cookies. La legge, denominata ormai EU Cookie Law (legge europea sui cookies), è un ammenda ad alcune precedenti direttive (precisamente del 2002) sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

Seguici su

Numeri utili

Da visitare

Borgo Sala
E' il centro storico della cittadina che conserva ancora l'antica struttura "a corti". Le case addossate le une alle altre e le strette viuzze, che si aprono inaspettatamente su ampie corti od in luminosi e lussureggianti giardini pieni di arance e limoni, tradiscono la genesi medioevale di questa parte dell'abitato. Di pregevole fattura sono i fregi ottocenteschi che adornano i portali di alcune antiche corti. Alla stessa epoca risale un pallazzetto, la cui cantina serba ancora intatte le volte in legno. Tanti ancora, ed ugualmente suggestivi, gli scorci caratteristici di questo piccolo borgo, che va scoperto ed assaporato attimo per attimo, immergendosi partecipando alla tranquilla vita che si svolge quotidianamente nelle sue corti.




Chiesa di San Bartolomeo Apostolo
Eretta nel XVI secolo, sorge sui resti di un'antica villa rustica epoca romana. Oggi completamente restaurata, conserva una tela raffigurante il martirio di San Bartolomeo ed una pala lignea attribuite a Luca Giordano.




Cappella di Sant'Erasmo
Risale al XVI secolo. Sorge su di uno spuntone di roccia, dal quale domina il Golfo di Napoli. Di pregevole fattura la scala che vi conduce interpicandosi tra i giardini.




Cappella di San Giuseppe
Sita nel cuore del Borgo Sala, fu edificata nei primi decenni del '700. Interamente affrescata, serba ancora tracce del passaggio di Luca Giordano.




Sentieri
Il corollario montano di Corbara è molto ricco di sentieri. Si segnalano l'Alta Via dei Lattari, le sorgenti del Grugnano e dell'Acqua delle Mosche, la grotta carsica di Caprile un tempo dimora di sanguinari briganti. Dalla cima del monte Cerreto, a 1316 metri di altitudine, si gode di un panorama mozzafiato: a sinistra il Golfo di Napoli con l'isola di Capri, al centro la valle del Sarno con il Vesuvio a torreggiare su di essa, ed a destra il Golfo di Salerno fino alla piana del Sele..